Chi è il Reflector?

_Il Reflector è lo specialista che, a seguito di una formazione almeno biennale, condotta seguendo i principi del Reflecting, ha assunto abilità nell’utilizzare ogni segnale informatore per offrire alla persona idonee sollecitazioni alla riflessione. Contrario ad ogni criterio terapeutico basato su precetti di autorità, su ordini, consigli, o inviti, il Reflector aiuta l’individuo ad avvertire le contraddizioni, ad assumere la consapevolezza delle motivazioni che determinano le scelte, ad innalzare l’edificio della propria personalità. Egli agisce una relazione indispensabile al bisogno che la persona ha di muoversi nella propria interiorità di conoscere e discernere ogni aspetto dell’universalità che le appartiene di sviluppare il proprio sé.(Statuto SIR)
__Il reflector stimola la persona ad avvertire in sé le contraddizioni, la consapevolezza delle motivazioni che determinano le scelte, a maturare autonomamente e raggiungere nuovi equilibri. Agevola questa ri-creazione interiore, instaura un rapporto interpersonale nell’ambito del quale favorisce le facoltà riflessive con ogni mezzo espressivo comunicazionale, senza intrusione, affinché il soggetto possa muovere alla riconquista di un terreno prezioso su cui camminare sicuro.
__ L’intento del reflector non è quello di intraprendere un’opera di risanamento e di ricostruzione né di rieducare, ma di affiancare l’individuo nel percorso che porta a riscuotere l’efficacia contro l’apatia che paralizza, acceca e impedisce di pensare, di esercitare il potere di scelta e di rinunciare al diritto di giudizio. Il cammino è sicuramente irto di ostacoli, ma la persona, affacciata sul proprio caos interiore, trova, come abbiamo già avuto modo di affermare, nella riflessione un potentissimo ausiliario per diventare lettrice e autrice di se stessa.
… Nell’aiuto alla persona si ricorre a tutti quegli atti comunicativi che la agevolano nel “volgersi indietro”, per ritrovare i ricordi del passato, gli oggetti che parlano di lei, facilitando così la lettura e l’elaborazione interpretativa delle immagini di sé.
Prof.G.Pesci

Rispondi