Non ti sei rotto di morire di paura ogni volta che tuo figlio o figlia ritarda a rincasare?

Non ti sei scocciato di leggere sul giornale di bambini e adolescenti finiti risucchiati dalla violenza dell’adulto o dei branchi?

Non ti sei rotto di morire di paura ogni volta che tuo figlio o figlia ritarda a rincasare?

O peggio, non sei stufo quando lo osservi chiuso nella sua stanzetta senza dirti con chi parla a nottate attraverso il cellulare?

In educazione come nelle altre scienze “nulla è per caso”.

Il rischio del mal-uso del digitale è oggi pericoloso come lo erano ieri i giri in scooter in due senza casco.

Le notizie come quelle di questo periodo dovrebbero averti terrorizzato. Come pedagogista mi stanno facendo alquanto inca******re.

Alle 3 di notte nessun ragazzino deve stare fuori di casa, del suo letto, del suo “nido”.

Alle 3 di notte nessuno ragazzino deve stare sveglio, mentre il genitore dorme.

Alle 3 di notte nessun genitore deve dormire mentre suo figlio è perso altrove.

Certo ora ti aspetti la ricetta. Va di moda così sul web: il ricettario del genitore perfetto 3.0 

Il genitore perfetto è quello che della sua imperfezione fa virtù e CHIEDE AIUTO. All’amico, al nonno, al collega…e anche allo specialista.

In tutto il mondo occidentale, in Europa come in USA, anche a Firenze le famiglie cercano nuove soluzioni ai problemi dell’educazione dei figli, della gestione dei compiti e della convivenza fra generazioni.

La verità è che non esistono soluzioni preconfezionate come alla Coop adatte a tutti. E se trovi qualcuno che te le promette, occhio!

I fattori di CRISI di una relazione genitore/figlio sono sempre molto personali, le famiglie sono piccoli cosmi.

Oggi i bambini e i ragazzi propongono delle CRISI ai loro genitori, li mettono in difficoltà, così facendo SE tu mamma e babbo li ascolti, ti costringeranno a trasformare qualcosa di quello che state facendo. [e questo vale dallo 0 anni in su].

Ci sono dei passaggi che non puoi non seguire, se vuoi uscire dal triangolo di paure che ho elencato all’inizio di questo pezzo.

Tuo figlio deve avere fiducia in te.

Poi..

Devi fare una tua sincera auto-lettura e capire veramente quali sono i valori che vuoi trasmettere e i limiti che poni devono essere sinceri.

L’obbiettivo è che tuo figlio ti riconosca come Persona che sceglie per lui per proteggerlo. Perché questo accada TU DEVI ESSERE L’ESPERTO del TUO BAMBINO.

Questo come può accadere oggi nell’epoca del digitale e nell’era della popolarità da reality? Come prevenire il rischio digitale?

-Condividere una scala valoriale fatta di RELAZIONI vere.

E poi :

-Nessun Ipad prima che gli serva veramente.

-Nessun smartphone prima che gli serva veramente.

-Avere TUTTE le password di ogni accesso dal social al game.

-Rispettare la legge di regolamentazione dei servizi ONLINE che vieta ai minori di 13 anni l’iscrizione e sopra solo tramite consenso dei genitori.

SE questi passaggi vengono rispettati, vedrai che tuo figlio alle 3/4 di notte non girerà né fuori né dentro casa con degli sconosciuti pericolosi senza che tu lo sappia. 

SE la risposta di tuo figlio è aggressiva, la causa più frequente spiegano sia la scienza pedagogica che la psicologica, deriva dalla sensazione che gli altri (TU) non gli attribuisca il valore che egli vorrebbe.

Sentirsi apprezzati è parte della relazione di Fiducia di cui parlo infaticabilmente dal 2009 in questo blog.

E tu allora, sarai al suo fianco, se qualcuno gli proponesse “azioni” inadeguate, violente o abusanti attivando i servizi di protezione ufficiali.

Non sempre riesci a fare tutto da solo, talvolta ti fai consigliare informalmente.
In certi casi devi rivolgerti a uno specialista come me, consapevole che “qualcosa” troverà da cambiare e che forse non ti piacerà.

Ascoltarti, prendere “sul serio” quello che mi dici, riflettere con te e trovare strategie questo è il mio lavoro!

Quindi se pensi che ti possa essere d’aiuto fissa una consulenza.

Contattami al  333 2351003 /055.472846
.
Oppure scrivimi cliccando qui  https://bit.ly/2liwTcd
******************************

Rispondi